«L’emergenza sanitaria non può trasformare la scuola in terreno di scontro»

0
1
Un braccio di ferro sul Coronavirus Linea dura di Ceriscioli col governo Sarebbe servita per i terremotati


Ceriscioli e Conte

 

«L’emergenza sanitaria  non può trasformare la scuola  in terreno di scontro». E’ il pensiero delle  segreterie regionali di Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confasl, a seguito dell’ordinanza della giunta regionale delle Marche circa le misure in materia di contenimento e gestione dell’emergenza Coronavirus che ha portato alla chiusura delle scuole e allo scontro di competenze che, stando alle dichiarazioni delle parti coinvolte, sembra profilarsi. Le sigle sindacali  richiamano le istituzioni regionali e nazionali alla responsabilità. «L’emergenza sanitaria che dobbiamo fronteggiare – dicono Leonilde Garganelli (Flc Cgil), Anna Bartolini (Cisl Scuola), Claudia Mazzucchelli (Uil Scuola) e Paola Martano (Snals Confsal) – non può diventare terreno di scontro politico ma essere affrontata con unione di intenti e autorevolezza. Le continue prese di posizione non univoche, invece, non fanno altro che generare confusione nelle famiglie e in tutto il personale della scuola. Chiediamo alla politica di riprendere in mano il proprio ruolo di servizio ai cittadini, da affrontare in maniera coesa e responsabile».



Fonte CronacheAncona.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here