Visite ai congiunti, riaprono i confini con Umbria e Toscana

0
1
Covid, nessun morto nelle Marche «Da settimane aspettavamo questo giorno»


Il governatore Luca Ceriscioli

 

Visite ai congiunti dei comuni confinanti di Umbria e Toscana: Ceriscioli ha firmato la comunicazione ai prefetti. Ordinanze operative dopo la firma di Tesei e Rossi. In considerazione della positiva evoluzione dello stato epidemiologico delle rispettive regioni e vista l’esigenza manifestata da numerosi cittadini residenti nelle zone di confine, la Regione Umbria e la Regione Toscana hanno determinato con ordinanza la possibilità, per i residenti nei comuni di confine, previo accordo tra i rispettivi Presidenti di Regione, di autorizzare la visita a congiunti residenti nei comuni confinanti.
«La Regione Marche – afferma il presidente Cerscioli – ha già comunicato formalmente, giorni fa, di essere pronta a firmare le comunicazioni ai prefetti necessarie per rendere operative le ordinanze. Ho già apposto la mia firma, quindi non appena la presidente Tesei della Regione Umbria e il presidente Rossi della Regione Toscana avranno firmato, sarà possibile per i cittadini marchigiani far visita o ricevere la visita dei congiunti residenti nei comuni confinanti delle due regioni».

Accordo Marche-Emilia Romagna: «Via libera alle visite tra congiunti»

Sbloccati gli spostamenti extra regione: «Si può andare fuori dalle Marche ma solo in una provincia confinante»

Visite ai congiunti nelle zone di confine, “sbloccato” anche l’Abruzzo



Fonte CronacheAncona.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here