Come e dove chiedere un mutuo per gli under 30

0
1
Come e dove chiedere un mutuo per gli under 30

Acquistare casa è il sogno di qualunque giovane coppia, ma spesso il mutuo al 100% è l’unico modo per poterlo fare. Le banche concedono questo tipo di finanziamento a tassi agevolati, con cui è possibile finanziare la totalità o comunque una buona parte l’acquisto dell’abitazione. 

Comprare casa all’asta: come si fa

Come scegliere bene il quartiere, l’immobile e il notaio

Le agevolazioni per gli under 30 

Le agevolazioni per l’acquisto della prima casa sono le seguenti: 

  •  l’applicazione dell’imposta di registro nella misura del 2%;
  • l’applicazione delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 50 euro ciascuna;
  • se la vendita è soggetta ad Iva, sono dovute l’imposta di registro, quella ipotecaria e quella catastale nella misura fissa di 200 euro, oltre all’Iva ridotta al 4%.

Requisiti 

  • Residenza nel comune dove si trova l’immobile
  • Impegno al trasferimento entro i successivi 18 mesi 
  • Attività lavorativa nel comune dove si trova l’immobile. 

La domanda di finanziamento 

Dopo aver scelto la banca, occorre compilare con la massima precisione la domanda di finanziamento, predisposta in forma di questionario, fornendo le seguenti informazioni:


Il tuo browser non può riprodurre il video.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Disattiva audio
Disattiva audio
Disattiva audio

Attiva audio



Spot

Attiva schermo intero
Disattiva schermo intero

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante...

Forse potrebbe interessarti...


Devi attivare javascript per riprodurre il video.


  • dati anagrafici del richiedente o dei richiedenti il finanziamento;
  • residenza;
  • attuale abitazione: se in affitto, in proprietà o se presso terzi;
  • composizione del nucleo familiare e persone a carico;
  • occupazione attuale: se dipendente o lavoratore autonomo;
  • anzianità di servizio o di lavoro autonomo;
  • reddito netto mensile e annuale;
  •  descrizione dell’unità immobiliare e delle sue pertinenze (come la superficie totale)
  • valore della costruzione;
  • dichiarazione di non avere debiti o di averne (in quest’ultimo caso occorre precisare l’importo e l’identità dei creditori).

Una volta ricevuti i dati, la banca può esprimere un primo “parere di fattibilità”, in base per esempio al reddito netto del richiedente e dei suoi familiari (nucleo familiare) o al valore dell’immobile oggetto del finanziamento.



fonte AnconaToday

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here