crescono i contagi, i malati e le vittime, la provincia di Ancona è la più colpita

0
10
crescono i contagi, i malati e le vittime, la provincia di Ancona è la più colpita


2′ di lettura
Ancona 22/02/2021
– Non ci sono dati positivi questa settimana nel consueto report sul Covid-19 nella Regione Marche. Crescono i nuovi contagi (in tutte le provincie tranne Pesaro e Urbino), crescono gli attualmente malati, i defunti e i ricoverati. Scendono solo i ricoveri in terapia intensiva.

La provincia di Ancona passa da 1.305 a 1.451 nuovi casi ed ha attualmente 8.352 persone in isolamento, il 52,8% del totale. Le province di Pesaro e Urbino e di Macerata hanno entrambe 471 nuovi casi. 19 in meno rispetto alla settimana scorsa nella provincia di Pesaro e 24 in più in quella di Macerata. Sono 2.901, il 18,3% del totale le persone in isolamento in provincia di Macerata e 2.382 (il 15%) in quella di Pesaro.

In provincia di Fermo i nuovi casi passano da 112 a 189 e sono 1.066 (6,7%) le persone in Isolamento. In provincia di Ascoli passano da 183 a 189 i nuovi casi. 1.131 (7,1%) le persone in isolamento.

Sono 2.920 i nuovi contagi in tutta la Regione. 2.076, sei in meno della settimana scorsa, i guariti e 79, 13 in più della settimana scorsa, le vittime della settimana. Cresce quindi a 8.909 il numero degli attualmente malati 765 in più della settimana scorsa.

Negli ospedali delle Marche sono 543 i ricoverati, 12 in più rispetto a domenica scorsa. Unico dato in controtendenza i 78 ricoveri in terapia intensiva, un calo di 5 unità.

Nel frattempo sono stati vaccinati 28.848 marchigiani, poco meno del 2% della popolazione. Se ai vaccinati aggiungiamo anche i 52.000 guariti si raggiunge un 5,5% della popolazione immune alla malattia.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram dei quotidiani Vivere.

Per Whatsapp aggiungere il numero corrispondente alla città desiderata nella propria rubrica ed inviare allo stesso numero il messaggio “notizie on”.

Per Telegram cercare il canale desiderato.



fonte VivereAncona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here