«La sindaca pensi agli anconetani prima che ai like»

0
7
Capitale Cultura, Ancona è fuori: «Un progetto senza visione»


Gianluca Quacquarini

 

 

«Vista la situazione di aggravamento dei dati delle ultime settimana su Ancona e Provincia dovuta alla diffusione della variante inglese del Covid-19 bene ha fatto la sindaca Mancinelli a lanciare un appello al rispetto delle regole per prevenire la diffusione del contagio. Ma oltre questo per ora non è andata perché come sempre resta in attesa di decisioni che vengano da altri per non prendersi lei la responsabilità di governare, come fino a prova contraria è chiamata a fare, la propria. In altre città della Provincia, visto i dati preoccupanti e che vengono resi noti ai cittadini cosa non concessa agli anconetani, i sindaci hanno provvisto con proprie ordinanze a cercare di prevenire il propagarsi del coronavirus arrivando a chiudere scuole, parchi e tutto ciò che è in capo ad un primo cittadino per proteggere la salute dei propri concittadini cui è il responsabile. Da noi resta in attesa per non scontentare nessuno e dire che le decisioni di chiusura sono di altre e lei deve solo procedere».

Il commento arriva da Gianluca Quacquarini, consigliere comunale del Gruppo Misto – Democrazia Collettiva. «Pensi agli anconetani piuttosto prima che ai like su Facebook e prenda provvedimenti per contenere questa maledetta pandemia e proteggere le persone. – incalza Quacquarini nel suo comunicato – Se proprio non vuole chiudere tutte le scuole come fatto da altri sindaci suggerisco alla Mancinelli che almeno proceda con la chiusura di tutti i parchi e giardini pubblici, l’utilizzo delle aree attrezzate con giochi per bambini e degli impianti sportivi a libera fruizione presenti nelle aree verdi per evitare assembramenti (anche questo accorgimento è stato già adottato da altri primi cittadini della Provincia e dunque si può a differenza della storytelling tutta anconetana che un sindaco non ha poteri).Sarebbe un minimo atto ma di grande responsabile a protezione di tutta la città».

«Evitate i contatti stretti non necessari: la variante inglese è arrivata»



Fonte CronacheAncona.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here