Persone fragili e lavoratori della pubblica sicurezza, da oggi al via le vaccinazioni

0
6
Marche, Saltamartini su vaccino russo e cinese: «Dobbiamo essere molto cauti»


ANCONA – «Da questa mattina per i pazienti che sono in carico presso il servizio sanitario e che sono in dialisi, si avvia la vaccinazione Pfizer». Lo annuncia l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini in un post sulla sua pagina Facebook. «Accanto a loro partirà la vaccinazione anche per coloro i quali hanno patologie croniche e respiratorie, oncologiche, cardiopatiche e simili» spiega, puntualizzando che ieri , 2 marzo, nelle Marche sono giunte nuove dosi di vaccino della casa farmaceutica americana Pfizer Biontech.

Queste persone affette da fragilità saranno vaccinate direttamente negli Ospedali e nelle strutture Asur senza necessità di prenotazione sulla piattaforma: «la vaccinazione sarà avviata d’Ufficio – precisa Saltamartini – , non devono prenotarsi, salvo che un aumento della fornitura dei vaccini non consigli altri meccanismi di vaccinazione, nel qual caso lo renderemo subito noto».

Da oggi prende avvio anche la vaccinazione dei dipendenti dei servizi pubblici della pubblica sicurezza ai quali verrà somministrato il vaccino AstraZeneca. «Ogni Corpo si è auto-organizzato – afferma l’assessore – .
Alcuni hanno i loro medici, altri saranno serviti dalla sanità della Marina che ha dato un contributo fondamentale nella nostra regione, risolvendo cento focolai di covid 19 soprattutto nelle Case di Riposo e salvando centinaia di persone. In questo target vi rientrano anche le polizie locali e quelle provinciali. Per disposizione ministeriale saranno vaccinati anche i detenuti. È opportuno ribadire – prosegue – che l’ordine nelle priorità della vaccinazione è stato adottato nella conferenza Stato-Regioni (non c’è discrezionalità da parte della Regione) e che la velocità dipende dalle forniture, ancora poche».

Parallelamente prosegue la campagna vaccinale degli over 80 e del personale scolastico nei punti punti allestiti nella regione, e ad oggi sono 109.529 le dosi complessivamente somministrate su 156.920 consegnate (un 69,8%): nella fascia d’età 80-89 anni sono state vaccinate 28.546 persone, 6.668 nella fascia over 90 e 3.270 tra i 70 e i 79 anni (dato Aifa). Complessivamente stando sempre al dato Aifa, gli over 80 vaccinati sono 28.270 e 873 le persone del mondo scolastico (insegnanti e personale ata).

Gli insegnanti over 65 e i docenti universitari saranno vaccinato con Pfizer e Moderna: «Questa procedura – prosegue l’assessore – risulta attualmente rallentata dal fatto che nell’ordine, prima devono essere vaccinate le persone fragili, cioè quelle con più di 80 ani e quelle che hanno patologie, a seguire i docenti con più di 65 anni». Una disposizione emanata «a livello nazionale per tutte le Regioni» precisa.

«Il flusso dei numeri della vaccinazione – afferma – è ancora rallentato dal basso numero di vaccini programmato per il mese di marzo anche se ieri è arrivata la fornitura Pfizer» afferma l’assessore Saltamartini il quale fa sapere che accanto ai 40 medici (prevalentemente in pensione) inviati dall’allora Commissario Arcuri per potenziare l’organizzazione vaccinale, «presto ne arriveranno altri (non ancora definiti nei numeri) che ci daranno man forte anche per i domiciliari».

Il presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi ha nominato di recente il generale Francesco Paolo Figliuolo nuovo commissario straordinario nazionale per l’emergenza covid che succede ad Arcuri.





fonte Centropagina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here