Lockdown e Dad, come aiutare i più giovani a combattere l’isolamento domiciliare

0
7
Lockdown e Dad, come aiutare i più giovani a combattere l’isolamento domiciliare


ANCONA – Sono sempre di più in Italia i bambini in età adolescenziale che risentono degli effetti negativi derivanti dal prolungato lockdown e dalla Didattica a distanza, strumenti necessari nella lotta alla pandemia. Non sono rari i casi, come riportato dal parere di vari esperti in materia, di individui che perdono completamente la voglia di uscire e rapportarsi con gli altri arrivando a chiudersi in camera per molte ore e, nei casi più gravi, a non mangiare. Queste patologie colpiscono moltissimo nella fascia d’età 14-16 anni. Abbiamo interpellato lo psicoterapeuta anconetano Raul Bartozzi per approfondire la problematica trovandone degli spunti d’analisi.

«Intanto partiamo con il dire che sono circa 8 milioni gli studenti che si sono ritrovati di punto in bianco chiusi nelle loro case, sostituendo banchi, quaderni e penne con computer e tablet. Sono venute meno cose basilari come il contatto con i compagni, le chiacchierate, anche gli stessi confronti che per la crescita sono elementi essenziali. Se non si interviene prontamente con politiche condivise l’isolamento nelle mura domestiche e la limitata socializzazione con i coetanei potrebbero avere delle conseguenze pericolose nella loro crescita».

Le misure per combattere l’isolamento domestico esistono e, come spiega Bartozzi, riguardano anche il contributo degli adulti: «L’adulto recita un ruolo di primissimo piano perché può e deve mettere a disposizione dell’adolescente un modello di vita sano senza angosce. Un sorriso, un impatto positivo ha una valenza determinante in questo contesto. Andando invece ad analizzare ad ampio raggio la situazione è normale che le stesse istituzioni debbano prevedere un contraltare, capendo l’importanza di non penalizzare ulteriormente questi giovani. La stessa scuola può aiutare attraverso un programmazione specifica che sappia mettere i ragazzi e le ragazze in condizioni di affrontare l’isolamento domiciliare e le conseguenze che spiegavamo prima».

C’è una strada, in conclusione, da percorrere per prepararsi in tutto e per tutto e con le giuste prerogative alla Fase 2, quella dell’effettiva ripartenza con il Covid finalmente alle spalle: «Fare progetti futuri è normale così come lo è fantasticare sulla fine della pandemia – conclude Bartozzi – In questa fase di transizione, di lotta ancora serrata contro il Covid, bisognerebbe avanzare a piccoli passi verso un ritorno alla vita sempre più graduale. Anche nel rapporto con i più giovani, cercando di infondergli sicurezza ma soprattutto rispetto delle regole. L’obiettivo di tutti deve essere quello di guidarli mentalmente verso un totale rientro a scuole e a quelle attività che appartengono alla quotidianità di ognuno. Solo così, anche nella testa di ognuno, supereremo lo scoglio del virus».





fonte Centropagina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here