Esposto alla Guardia di Finanza di Fabriano e Ancona su mascherine Ffp2. Romagnoli (M5s): «Indossate anche dai sanitari»

0
8
Esposto alla Guardia di Finanza di Fabriano e Ancona su mascherine Ffp2. Romagnoli (M5s): «Indossate anche dai sanitari»


Mascherina Ffp2 (Foto di Wilfried Pohnke da Pixabay)

ANCONA – Il senatore marchigiano del Movimento 5 Stelle Sergio Romagnoli questa mattina ha presentato un esposto alla Guardia di Finanza di Fabriano e di Ancona per avviare una verifica sulla conformità dei dispositivi di protezione facciale distribuiti al personale sanitario che lavora negli ospedali della regione. Nel mirino del senatore fabrianese sono finite le mascherine Ffp2 a marchio CE 2163, «già oggetto di indagine presso l’ufficio antifrode dell’Unione Europea», come dichiara lo stesso Romagnoli.

La vicenda è partita da alcune segnalazioni giunte da parte di cittadini marchigiani sul gruppo web Marche e Salute nel corso di un incontro online sul tema sanità. Mascherine che, come riferisce il senatore pentastellato, sarebbero indossate non solo dai sanitari, ma anche da tanti cittadini e che quindi, «nel caso risultassero non a norma, esporrebbero al rischio di un eventuale contagio».

Sergio Romagnoli, senatore Movimento 5 Stelle

«Mi auguro che le indagini vadano avanti e che possano sfociare in una inchiesta per verificare la certificazione di queste mascherine – spiega -: mi è sembrato strano che queste, già oggetto di indagine a livello europeo, non siano state attenzionate nelle Marche».

Sergio Romagnoli chiarisce che «non si tratta di strumentalizzazione politica ma di una questione molto seria. Mi sono sentito di fare la mia parte senza sbraitare ma sfruttando gli strumenti che tutti abbiamo a disposizione per far emergere la verità. Sono stato votato dal mio territorio per rappresentarlo e difenderlo, pertanto ho raccolto diverse segnalazioni nei giorni scorsi e ho deciso di procedere con l’esposto».

Insomma un invito, il suo esposto, alla verifica della conformità delle protezioni facciali. «Seguo da vicino la questione della sanità: ho verificato che purtroppo ci sono situazioni difficili, dove il sistema ancora riesce a reggere essenzialmente grazie al grande attaccamento al lavoro dei dottori. Ma non si può andare sempre avanti in questo modo. Il Covid sta presentando il conto – conclude -, evidenziando tutte le carenze e le debolezze. Bisogna intervenire perché questa è una battaglia per il bene comune da combattere insieme, al di là delle fazioni politiche».





fonte Centropagina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here