Marche e Umbria unite insieme grazie alle università verso l’innovazione

0
7
Marche e Umbria unite insieme grazie alle università verso l'innovazione


4′ di lettura
Ancona 18/03/2021
– Diventa concreto il progetto SITUM con i primi webinar della Scuola di Innovazione Territoriale Umbria Marche (SITUM), nata su iniziativa dei Magnifici Rettori dell’Università Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori e dell’Università degli Studi di Perugia Maurizio Oliviero

Due “SITUMtalk”, il 26 e 30 marzo, saranno l’esordio del progetto ideato dalle due università ,Politecnica delle Marche e Università di Perugia che assieme alle rispettive Camere di Commercio regionali, il Gruppo Loccioni e il Gruppo Angelantoni, destinato a creare un Hub del territorio per offrire ai giovani la possibilità di mettere in parallelo formazione e lavoro, creando un ponte tra la richiesta di competenze e di persone del mondo delle imprese e degli operatori economico-sociali e i percorsi universitari. In SITUM docenti e manager condivideranno conoscenza ed esperienza a beneficio degli studenti e le imprese parteciperanno alla definizione dei progetti formativi, indicando le competenze necessarie per essere competitivi, così che i giovani possano orientarsi nelle scelte o completare la loro formazione consapevoli di cosa troveranno ad aspettarli nel mondo del lavoro.

«Un prgogetto che mette al suo centro il territorio per valorizzarlo come fattore competitivo – spiega il Rettore della Politecnica delle Marche Gian Luca Gregori – Un terriotorio che si sta invecchiando e spopolando. La collaborazione tra docenti di diverse università e un approccio multi disciplinare in un rapporto tra istituzioni ed enti e aziende del territorio permetterà di attrarre nuove imprese e innescarne di nuove. Procediamo con determinazione perché è quello che ci vuole in questo momento»

Concorde Maurizio Oliviero, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia: «SITUM rappresenta una rivoluzione culturale. Un progetto che mette al centro le persone e non le macchine o i processi. Le università sono paradossalmente costruite sulla logica di competizione. Per la prima volta due uni che dovrebbero essere in competizione scelgono la collaborazione per dare risposte ai nostri territori che voglio considerare un territorio unico».

i Professori Nicola Paone (Univpm) e Carlo Andrea Bollino (Unipg), i quali hanno introdotto i temi dei due SITUMtalk in programma il 26 e 30 marzo prossimi.

Il primo, dal titolo “La fabbrica del futuro. La misura, il robot, le persone”, si terrà online venerdì 26 marzo 2021 alle ore 15:00 dopo i saluti istituzionali dei due Magnifici Rettori, dei Presidenti delle Camere di Commercio e di Enrico Loccioni, sono previsti gli interventi di Nicola Paone (UNIVPM), Giacomo Palmieri (UNIVPM), Giovanni Pizza (UNIPG) e Alessandro. Salvucci (Loccioni), i quali interverranno sui temi del rapporto fra uomo e macchine nell’odierno ecosistema digitale, presentando altresì il primo corso perfezionamento SITUM, che sarà dedicato a “Metodi e tecnologie per la Meccanica 4.0 con approfondimenti di umanesimo”.

Il secondo, “Sviluppo, sostenibilità e territori Strategie e strumenti” si svolgerà martedì 30 marzo 2021 alle ore 17:00, quando ai saluti istituzionali seguiranno gli interventi di Carlo Andrea Bollino (UNIPG), Valerio Temperini (UNIVPM), Giovanni Pizza (UNIPG), Micol Bronzini (UNIVPM) e Enrico Loccioni. Il talk esaminerà i processi innovativi e le valenze etiche dei territori, calandole in particolare in una visione antropologica per il mondo post-covid, sottolineando altresì gli aspetti estetici connessi al fare impresa oggi.

Promotori del progetto anche le Camere di Commercio delle Marche e dell’Umbria, rappresentate dei rispettivi Presidenti. Così il Presidente delle Camere di Commercio delle Marche Gino Sabatini: «Scuola, innovazione e territorio, tre parole chiave contenute nell’acronimo Situm, guidano anche i progetti della Camera di Commercio delle Marche: è stato per noi naturale a essere tra i promotori di questo progetto, anche con l’obiettivo di essere lo strumento di collegamento con il sistema delle imprese, perché possa essere messo velocemente a terra». Ha poi sottolineato il Presidente delle Camere di Commercio dell’Umbria Giorgio Mencaroni: «Abbiamo disperatamente bisogno di creare connessioni reali tra atenei e aziende, per attuare concretamente progetti comuni, fondamentali sia per l’attrattività delle università, che per la competitività delle aziende, l’occupabilità degli studenti, la crescita economica e sociale dei territori».

SITUM trova nella collaborazione con le azinde la possibilità di offrire un approccio pratico e fattivo agli studenti da affiancare alla preparazione teorica: «Come ha detto Fuà dobbiamo saper mettere la vita in parallelo allo studio- Spiega Enrico Loccioni – Questo vuole essere SITUM: un acceleratore per far incontrare il mondo del lavoro con quello dello studio. SITUM è un HUB in cui si incontrano lavoro e formazione, problemi e soluzioni, studenti e imprenditori. I laboratori SITUM sono le imprese che offrono ai giovani la possibilità di collegare concretamente studio, lavoro e vita, facendo scelte consapevoli per il loro futuro».



fonte VivereAncona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here