674 casi in un giorno nelle Marche/ La mappa dei contagi

0
4
674 casi in un giorno nelle Marche/ La mappa dei contagi


ANCONA – Epidemia di coronavirus, sono stati 674 i nuovi positivi segnalati oggi, venerdì 26 marzo, dal Gores nelle Marche. Un dato in leggera crescita rispetto a ieri (621), con un numero di tamponi analizzato molto simile. Infatti sale leggermenete la percentuale di positività: è risultato infetto il 30,3% dei 2.221 tamponi molecolari prime diagnosi analizzati. Ad allarmare è ancora il nord della Regione: in provincia di Ancona sono stati rilevati 234 casi,  in quella di Pesaro e Urbino 175 (105 in provincia di Macerata, 56 in provincia di Fermo, 70 in provincia di Ascoli Piceno e 25 fuori regione)

Nelle Marche ancora più di ventimila anziani senza vaccino. Saltamartini si difende: «Non abbiamo le dosi». Come stanno le cose

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 5425 tamponi: 2985 nel percorso nuove diagnosi (di cui 764 nello screening con percorso Antigenico) e 2440 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 22,6%). 
I casi positivi comprendono soggetti sintomatici (80 casi rilevati), contatti in setting domestico (173 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (201 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (23 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (1 caso rilevato), contatti in setting assistenziale (2 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (4 casi rilevati), screening percorso sanitario (2 casi rilevati). Per altri 188 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. 

Addio a Maurizio Baldini, il Babbo Natale-artigiano ucciso dal Covid a 72 anni

LA MAPPA DEL CONTAGIO

 

OGGI 76 POSITIVI AI TEST RAPIDI

Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 764 test e sono stati riscontrati 76 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 10%.

 

Ultimo aggiornamento: 10:55


© RIPRODUZIONE RISERVATA





fonte Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here