Week end di controlli in zona rossa: quattro giovani multati e un mezzo sottoposto a fermo

0
4
Week end di controlli in zona rossa: quattro giovani multati e un mezzo sottoposto a fermo


 

 

Intensificati i servizi di controllo della Polizia Locale di Osimo nei primi due weekend di primavera. Il clima tiepido e le giornate che si allungano grazie anche al cambio d’orario sicuramente non favoriscono il rispetto della zona rossa, delle norme imposte dal susseguirsi di Dpcm, ordinanze regionali e comunali. Nei primi due weekend di primavera numerosi sono stati i sopralluoghi svolti dagli agenti della Polizia locale di Osimo, sia su richiesta di cittadini preoccupati che d’iniziativa. Le zone maggiormente sorvegliate sono state i parchi cittadini, le piste ciclabili di Campocavallo ed Osimo Stazione ed il centro città oltre al controllo delle attività commerciali e senza abbassare la guardia sul rispetto delle norme che regolano la circolazione stradale.

Il risultato dei controlli posti in essere in questi due weekend di primavera è di 4 verbali elevati ad altrettante persone per la violazione delle norme anti-Covid, nella fattispecie 2 jesini di età compresa tra i 20 ed i 30 anni sono stati sanzionate per aver effettuato uno spostamento attraverso il territorio del Comune di Osimo per motivi che non rientravano tra quelli previsti mentre 2 osimani poco più che ventenni sono stati sanzionati in quanto non mantenevano la distanza interpersonale minima di un metro. Tutti e quattro si sono visti elevare verbali da 533,33 euro (i canonici 400 euro aumentati perché viaggiavano a bordo di un veicolo). Nei controlli delle pattuglie è incappato anche una persona proveniente da Fermo, quindi da fuori provincia, che è stata sorpresa mentre circolava a bordo di un veicolo al quale erano state sostituite le targhe originali con altre targhe. Per lui è stato immediatamente disposto il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi ed una sanzione che dovrà essere irrogata dalla Prefettura e che va da 2.046 a 8.186 euro mentre le targhe usate sono state sequestrate.



Fonte CronacheAncona.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here