Crowdfunding e fantasia, ecco come si riparte in epoca di Covid. Italian Artesan e Fessura surfano l’onda della moda

0
1
Crowdfunding e fantasia, ecco come si riparte in epoca di Covid. Italian Artesan e Fessura surfano l’onda della moda


Nel settore della moda marchigiana siamo abituati a vedere imprese familiari, sia nel management e sia nel capitale. Ma ci sono anche eccezioni molto interessanti. Italian Artisan e Fessura stanno provando a cambiare questo stereotipo, agevolando l’ingresso di investitori esterni al fine di accelerare la propria crescita. 


Tavio, infettivologo degli Ospedali Riuniti: «L’immunità di gregge? Ancora troppe variabili. A ottobre? Dipende da quanti si vaccinano»

 
Il plus
Le due aziende hanno capito che per crescere occorrono delle risorse finanziarie aggiuntive oltre quelle del proprio portafoglio. Oggi il mercato offre diverse opportunità per reperirle a patto che ci sia la disponibilità della proprietà di aprire le porte a soci di minoranza.
Fessura è un’azienda con sede a Montegranaro controllata dai fratelli Andrea, Giorgio e Marco Vecchiola e attiva nel mercato delle sneaker. Grazie all’arrivo di un fondo di investimento la cui identità non è stata ancora rivelata, in 10 giorni ha raccolto oltre 1 milione di euro sulla piattaforma Mamacrowd. Ma l’obiettivo è ancora più ambizioso: arrivare fino a 2,5 milioni di euro, pari al 35% del capitale sociale dell’azienda. Ci sono 50 giorni ancora a disposizione. La liquidità raccolta verrà impiegata per le attività di marketing e per il miglioramento della brand awareness; per aprire punti vendita (Milano, Roma, Firenze e Napoli) e outlet (San Marino); per accrescere la qualità dei collaboratori e per creare un ufficio di ricerca e sviluppo interno. La società, che ha una controllata ad Hong Kong e una sede operativa in Cina, ha chiuso il 2020 a 1,6 milioni di euro di fatturato, con un calo del 35% sul 2019 «ma in utile» ha sottolineato il CEO Andrea Vecchiola. Il business plan, elaborato insieme a Emintad Italy, prevede di recuperare al più presto il livello di ricavi del 2019 (2,5 milioni) per poi arrivare a 26 milioni tra 5 anni. Ma più che le entrate, ad attirare l’interesse degli investitori sono la capacità di crescita dell’azienda e la sua redditività.

L’innovazione in campo
Italian Artisan è una società nata nel 2014 dalla visione del giovane marchigiano David Clementoni con lo scopo di portare la tradizione delle eccellenze manifatturiere Italiane nel futuro del commercio internazionale. Con questa idea, ha vinto il premio Italia Giovane 2015 e nel 2018 è stata premiata dalla commissione Europea come miglior startup fashion d’Europa. Clementoni e il suo staff mira a far diventare Italian Artisan la piattaforma di riferimento capace di agevolare le piccole medie imprese ad internazionalizzarsi ed aiutare clienti internazionali a produrre made in Italy in maniera semplificata, abbattendo tempi e costi. In 14 giorni ha raccolto 57.000 euro sulla piattaforma di crowdfunding Opstart, superando l’obiettivo minimo fissato a 50.000 euro (quello massimo è 800.000 euro). Nel portale di Italian Artisan figurano registrati oltre 500 artigiani e più di 3000 brand provenienti da più di 30 Paesi. Il suo business è in continua crescita, e dopo aver segnato nel 2020 un aumento dei ricavi del 23% sull’anno precedente, nei primi 4 mesi del 2021 ha già raggiunto il livello di fatturato dell’intero anno 2020. «così i produttori italiani non solo raggiungono nuovi clienti internazionali, accelerando nell’espansione verso nuovi mercati, ma grazie ai nostri account dedicati riescono a creare solide relazioni di business in tempi brevissimi» afferma Olga Iarussi Ceo e co-founder di Italian Artisan.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 15:36


© RIPRODUZIONE RISERVATA





fonte Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here