Ancona sempre più cardioprotetta: inaugurati tre nuovi defibrillatori

0
1
Ancona sempre più cardioprotetta: inaugurati tre nuovi defibrillatori


ANCONA – Sono stati installati ad Ancona tre nuovi defibrillatori semiautomatici. L’iniziativa del Comune di Ancona, che rientra nell’ambito del progetto “Cuore – Ancona città cardioprotetta”, in collaborazione con Rotaract, Rotary Club Ancona, Rotary Club Ancona 25-35 e Ottica Manna, punta a prevenire la morte cardiaca improvvisa, una delle prime cause di mortalità, dotando le aree pubbliche del capoluogo dei dispositivi, disponibili in spazi all’aperto 24 ore su 24.

I nuovi defibrillatori sono stati installati in Largo XXIV Maggio (davanti alla sede del Comune di Ancona), Piazza Roma, e presso il Monumento del Passetto. Una importante novità, illustrata questa mattina a palazzo municipale alla presenza del sindaco Valeria Mancinelli, dell’assessore alla Sanità Emma Capogrossi, e resa possibile grazie alla donazione da parte di Ottica Manna, rappresentata da Manna Michele, dal Club Rotaract, rappresentato dalla presidente Nadia Versitelli, dal Rotary club Ancona, rappresentato dal presidente Francesco Fantazzini e dal Rotary Club Ancona 25-35, rappresentato dal presidente Marco di Marino.

I defibrillatori, del costo di circa tremila euro l’uno, tutti dotati di allarme, adattabili alla defibrillazione pediatrica e posti in aree dotate di impianti di videosorveglianza, per evitare fenomeni di vandalismo, sono collegati ad un sistema di controllo a distanza che ne verifica costantemente il funzionamento e saranno messi in rete con il servizio regionale del 118, così da consentire l’immediata individuazione del luogo dove è in atto il soccorso.

L’assessore Emma Capogrossi nel suo intervento ha sottolineato l’importanza della tempestività nell’arresto cardiaco al fine di ridurre la letalità ed ha spiegato che l’assessorato, in collaborazione con il servizio informatico del Comune ha eseguito una mappatura del territorio, così da individuare le aree scoperte e capire dove installare i nuovi dispositivi.

Il taglio del nastro al defibrillatore installato davanti al Palazzo Municipale

Nel capoluogo alcuni defibrillatori si trovano all’interno di plessi scolastici e palestre ma l’obiettivo dell’amministrazione comunale è quello di ampliare ulteriormente l’iniziativa così da coprire in maniera capillare anche le aree periferiche della città. L’assessore ha poi spiegato che le attrezzature sono «geolocalizzate per rendere visibile ai soccorsi il luogo più vicino per la defibrillazione».

L’obiettivo è anche quello di «coinvolgere altri commercianti» e altre realtà nel progetto, ancora più utile alla luce della pandemia i cui effetti deleteri coinvolgono anche l’apparato cardiocircolatorio, infine Capogrossi ha sottolineato l’importanza della formazione all’utilizzo del dispositivo, formazione già avviata e curata dalla Croce Rossa di Ancona.

Il sindaco Valeria Mancinelli ha ricordato che «sin dagli scorsi anni l’amministrazione comunale ha lavorato affinché i defibrillatori fossero presenti nei luoghi più frequentati della città. Dalla presenza dei defibrillatori nelle strutture sportive, si è passati alla dotazione di questi dispositivi per due auto della Polizia Locale ed ora con questo progetto miriamo alla diffusione di questo presidio di pronto intervento in altri punti della città, affinché sia possibile il primo soccorso» .

Versitelli ha ricordato l’importanza del defibrillatore quale strumento che «può salvare vite», mentre Di Marino ha evidenziato che l’installazione dei dispositivi rappresentano il compimento di un progetto avviato un anno fa e che si tratta di un «percorso virtuoso» che trae forza anche dalla collaborazione della Croce Rossa: L’impegno del Club, ha sottolineato, sarà quello di fare in modo che sia «un primo passo per far si che Ancona sia coperta in tutte le zone».

Manna, ha manifestato la volontà di proseguire il suo impegno nel progetto, donando un ulteriore defibrillatore, così da coprire anche Piazza Ugo Bassi, mentre Fantazzini  ha accolto l’invito del Comune a nuove collaborazioni e sottolineato l’impegno dei giovani del Club. Alice Brisighelli, direttore del Centro di Formazione Regionale della Croce Rossa. iha rimarcato l’importanza della formazione nell’impiego dello strumento che non può prescindere, nella catena del soccorso, dal massaggio cardiaco e dalla chiamata ai soccorsi.

Sono circa 60mila gli arresti cardiaci che si verificano mediamente in un anno nel nostro Paese, metà dei quali per danno elettrico del cuore e più della metà di queste persone possono essere salvate. Nell’ambito del processo di formazione sono 132 gli istruttori della Croce Rossa che si sono messi a disposizione per il progetto. L’iniziativa è stata formalizzata con la firma di un protocollo fra il Comune di Ancona e i soggetti donatori.

I prossimi corsi
Altri due corsi saranno attivati il prossimo 9 luglio (iscrizioni al link https://form.jotform.com/211182672909055) e il prossimo 17 settembre (iscrizioni al link https://form.jotform.com/211583014963353), saranno aperti alla cittadinanza e in via preferenziale saranno rivolti a coloro che abitano o esercitano attività lavorative nelle zone prossime a dove sono installati attualmente i tre DAE (defibrillatore semiautomatico). Altre formazioni saranno realizzate nel corso del tempo con la medesima modalità organizzativa che prevede l’installazione di un DAE in un determinato punto della città accompagnato dalla proposta di un corso di 5 ore BLSD rivolto in via prioritaria a coloro che abitano o esercitano attività lavorativi nei pressi del punto di installazione.

Non mancherà infine l’organizzazione di iniziative di informazione (mass-training) e sensibilizzazione permanenti rivolte ai dipendenti dell’ente e alla popolazione in generale per diffondere la cultura del primo soccorso e della cardioprotezione. Tutte le info sul progetto e sulle sue fasi attuative (corsi di formazione, raccolta fondi, ecc.) al link: https://www.comune.ancona.gov.it/ankonline/politichesociali/cantieri-sociali/progetto-cuore-al-via-ancona-citta-cardio-protetta/





fonte Centropagina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here