accordo tra Comune e sindacati

0
2
accordo tra Comune e sindacati


2′ di lettura
Ancona 29/06/2021
– Ammontano ad oltre 150 mila euro le maggiori risorse destinate a ridurre le tariffe della Tari per le famiglie anconetane. Si aggiungono ai 380.000 euro attualmente previsti, incrementando quindi il fondo di quasi il 50%.

E’ quanto prevede l’accordo stipulato oggi tra il comune di Ancona e CGIL CISL UIL (confederali e dei pensionati), dopo diversi incontri, che destina tali risorse ad ampliare la fascia ISEE su cui si possono applicare le detrazioni, il cui limite sale da 25.000 euro di isee a 30.000 euro. Cresce anche il peso di alcune fasce di sconto, infatti nella fascia ISEE da 10.000 a 20.000 euro la detrazione sale da 25% a 40%, mentre nella fascia tra 20.000 e 30.000 euro la detrazione sarà del 15%.

Nel 2020 le richieste di detrazione furono 4482 di cui 3817 legate proprio al reddito isee, a testimonianza della necessità di una serie di interventi di protezione sociale per le riduzioni di reddito legate anche alla crisi pandemica. Il timore di CGIL CISL UIL è che lo sblocco dei licenziamenti, ancorché selettivo, combinato con gli effetti economici della pandemia possa mettere in crisi molte famiglie. E’ quindi necessario, anche a livello comunale, incrementare le forme di protezione sociale.

L’accordo stipulato infatti non prevede solo gli interventi sulla TARI, ma anche il rafforzamento del sistema di confronto, con un vero e proprio “patto di sostegno ai cittadini”, che permetta di consolidare il dialoga tra l’ amministrazione comunale e le OO.SS. in termini bilancio di previsione, variazioni di bilancio, interventi di sostegno alle famiglie, regolamenti e tariffe dei servizi alla persona. Un passaggio importante e positivo che speriamo possa sostenere le famiglie anconetane in questo difficile momento.



fonte VivereAncona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here