ALTE TEMPERATURE, L’AMMINISTRAZIONE INVITA AD UN UTILIZZO RESPONSABILE DELL’ACQUA POTABILE

0
1


Le alte temperature che si stanno registrando in questi giorni e che potrebbero proseguire anche nei prossimi, obbligano tutti ad assumere atteggiamenti più virtuosi riguardo l’utilizzo della risorsa idrica.

Sempre l’utilizzo corretto dell’acqua è una buona norma a maggior ragione quando ci sono periodi caratterizzati da caldo intenso” precisa l’assessore Protezione Civile, Stefano Foresi.

Pertanto, l’Amministrazione chiede la collaborazione di tutti i cittadini per un uso estremamente responsabile dell’acqua potabile, ai soli fini igienici ed alimentari, evitando usi impropri e sprechi. 

Perciò si invita la cittadinanza anche a ridurre le innaffiature di giardini, ad attivare i sistemi automatici soltanto di sera, quando è minore l’evaporazione e, dove è possibile, a non utilizzare l’acqua dell’acquedotto.

Inoltre, alcuni comportamenti quotidiani consentono di non consumare inutilmente questa importante risorsa. Ecco quindi alcuni semplici consigli che in tutte le famiglie è semplice adottare:

·Riparare eventuali perdite dei rubinetti di casa

·Preferire la doccia al bagno in vasca

·Scegliere cassette per il WC a quantità differenziate

·Far funzionare lavatrice e lavastoviglie solo a pieno carico e alle basse temperature, in questo modo si consuma meno acqua e anche meno energia

·Applicare frangigetto o riduttori di flusso ai rubinetti di casa

·Quando ci si lava i denti, i capelli, ci si rade o si lavano le stoviglie a mano evitare di far scorrere inutilmente l’acqua

·Utilizzare contenitori che consentano il riutilizzo dell’acqua che si usa per lavare gli alimenti o l’acqua di cottura della pasta (può essere riutilizzata per innaffiare le piante e l’acqua di cottura è un ottimo sgrassante per lavare le stoviglie)

·Chiudere sempre il rubinetto centrale dell’acqua quando ci si allontana da casa per lunghi periodi.



fonte Comune di Ancona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here