Authority, Marche penalizzate dalla ripartizione delle risorse del Pnnr. Mangialardi: “Un disastro annunciato”

0
2
Authority, Marche penalizzate dalla ripartizione delle risorse del Pnnr. Mangialardi: “Un disastro annunciato


2′ di lettura
Ancona 09/07/2021
– Mangialardi: “Un disastro annunciato a danno delle imprese e del territorio. Acquaroli la smetta di rispondere alla Meloni anziché ai marchigiani”

“Forse Acquaroli pensava che i giochi politici romani condotti dal suo partito e da lui stesso assecondati non avessero un prezzo per le Marche? Direi che si è sbagliato parecchio e i maldestri tentativi di addossare ora le sue responsabilità ad altri sono onestamente imbarazzanti. Sono mesi che diciamo che la Regione avrebbe dovuto porre grande attenzione ai tempi e alle modalità del rinnovo della presidenza dell’Authority. Il gruppo assembleare del Partito Democratico ha presentato più interrogazioni e continuamente sollecitato un confronto vero e aperto con il territorio, nella consapevolezza che la ripartizione delle risorse stanziate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza avrebbero rappresentato un crocevia decisivo per il rilancio del porto di Ancona, praticamente la più grande realtà industriale della regione, e della rete dei porti marchigiani. Siamo stati puntualmente ignorati dalla giunta e dalla maggioranza. Ora, inevitabilmente, il conto è arrivato. Ed è salatissimo per imprese e territorio”.

Così il consigliere regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi commenta la notizia della ripartizione di oltre 2,5 miliardi di euro per i porti italiani stanziati dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che prevederebbe per le Authority ubicate sul versante Adriatico 409 milioni a Trieste, 169 a Venezia, 165 a Ravenna, 168 a Brindisi e solo 20 all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Centrale.

“Purtroppo – continua Mangialardi – i gravi danni che questa giunta di estrema destra completamente manovrata dalla Meloni sta arrecando alle Marche iniziano a essere evidenti dopo neppure un anno. E il peggio, se possibile, deve probabilmente ancora arrivare, visto che il “non” presidente Acquaroli ha fatto perfino negare ogni discussione in consiglio regionale circa i progetti da presentare nell’ambito della programmazione delle risorse previste dal Recovery Fund, limitandosi a trasmettere al governo una lenzuolata di proposte disorganiche, prive di strategia e senza una comune visione. Un’impostazione veramente dilettantesca che, dopo il settore dei porti, rischia ora di colpire anche quello della sanità”.



fonte VivereAncona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here