occhio ai contagi da amici e parenti/ I numeri delle regioni

0
2
occhio ai contagi da amici e parenti/ I numeri delle regioni


ANCONA – Resta molto basso il numero dei ricoveri e dei decessi legati al Covid, ma nelle Marche a preoccupare è la crescita dei casi soprattutto fra i giovani e i giovanissimi. I focolai di variante Delta, in particolare nel sud della regione, non lasciano tranquilli. Oggi, giovedì 8 luglio, sono stati 42 i nuovi positivi segnalati dal Gores. Meno di ieri, ma continuano ad essere prevalenti i contagi frutto di contatti con amici e parenti.

No vax a scuola, sono in 4.300 (tra prof e personale) ancora senza vaccino. La Regione pensa al giro di vite

La provincia di Ascoli Piceno resta quella con più contagiati (15), seguita da Ancona (10), Pesaro-Urbino (10), Fermo (4) e Macerata (3); sono due i positivi provenienti da fuori regione. Nelle ultime 24 ore sono stati testati 1927 tamponi: 812 nel percorso nuove diagnosi (di cui 20 screening con percorso Antigenico) e 1115 nel percorso guariti (un rapporto positivi testati del 5,3%).

IL CONTAGIO NELLE REGIONI

 

 

Più contagi, ma meno sintomatici: i reparti Covid degli ospedali delle Marche si svuotano

OGGI UN POSITIVO AI TEST RAPIDI

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (6 casi rilevati), contatti in setting domestico (12 casi rilevati),  contatti stretti di casi positivi (14 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (3 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/socialità (0 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (0 casi rilevati), Contatti con coinvolgimento studenti di ogni grado di formazione (0 casi rilevati), screening percorso sanitario (0 casi rilevati), contatti con provenienza extra-regione (1 casi rilevato) e di 6 casi sono in fase di approfondimento epidemiologico. Nel percorso Screening un totale di n.20 test antigenici effettuati e n.1 soggetti rilevati positivi (da sottoporre al tampone molecolare) un rapporto positivi/testati 5%.

 

Ultimo aggiornamento: 15:46


© RIPRODUZIONE RISERVATA





fonte Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here