Giacomo Campanile tra la musica Sacra, i Måneskin, Epicuro e De Andrè

0
2
Giacomo Campanile tra la musica Sacra, i Måneskin, Epicuro e De Andrè


2′ di lettura
Ancona 09/07/2021
– Giacomo Campanile, professore di Religione, compositore di musica sacra è recentemente balzato agli onori delle cronache per aver per prima sostenuto il cantante dei Måneskin, il 22enne Damiano David, band che ha recentemente vinto il settantunesimo Festival di Sanremo. Quest’anno parteciperà al Festival Epicureo suonando le canzoni di Fabrizio De Andrè.

Cosa ti è rimasto della tua partecipazione al Festival del 2020?

La partecipazione del Campanile group al Festival del 2020 è stata fantastica, un’esperienza che mi ha riempito di gioia. Suonare con Lucio Chieruzzi e Achille Campanile è stato entusiasmante, due veri talenti musicali.

Mettere in musica alcuni concetti fondamentali della filosofia di Epicuro è stata una novità per me, devo dire che è stato importante riflettere e musicare il desiderio di felicità a cui anela l’umanità.


Quale pensi che possa essere il legame tra Epicuro e la musica dal punto di vista artistico?

Concetti chiave della filosofia di Epicuro sono le idee di gioia e di felicità. Cosa meglio della musica puoi dare al cuore dell’uomo la gioia e la felicità? La musica è quello strumento spirituale che produce nella mente dell’uomo uno stato di serenità e gioia.


Quest’anno sei stato ricercato da giornalisti di tutta Europa per aver fatto muovere i primi passi nel mondo della Musica a Damiano dei Maneskin. Cosa ha voluto dire per te la sfolgorante carriera di un tuo studente?

Per me vedere Damiano, uno studente con cui ho vissuto 4 anni della mia vita, scalare i vertici delle classifiche della musica mondiale è stato inaspettato ed entusiasmante. Un ragazzo semplice, buono, talentuoso che ha raggiunto un traguardo cosi alto in pochissimo tempo mi ha dato una gioia immensa e anch’io ho partecipato con la mia testimonianza a far conoscere la sua ricca personalità.

Che cosa ci farai ascoltare al Festival quest’anno?

Quest’anno con il giovane compositore e talento musicale Achille Campanile faremo ascoltare 5 canzoni del cantautore ligure Fabrizio De André.

De André è un cantautore unico nel panorama musicale italiano che ha dato molto spazio nelle sue cantate a contenuti esistenziali, filosofici e religiosi dell’umanità del 900′. La sua musica è rimasta sempre fedele a sé stessa senza mai adeguarsi alle mode musicali. Lo definirei il Pasolini dei cantautori italiani.Per i suoi contenuti profondi ed esistenziali lo vedo molto vicino al pensiero epicureo.

Vi aspetto numerosi a questo Festival di Epicuro che dà alla nostra città e a questa estate un momento di riflessione che ci fa sempre crescere interiormente.

La partecipazione a tutti gli eventi del Festival Epicureo è gratuita, ma è necessario prenotare via mail scrivendo a infinito@epicuro.org.



fonte VivereAncona

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here