due le province calde/ La progressione del contagio

0
2
due le province calde/ La progressione del contagio


ANCONA – La zona gialla non è, per fortuna, all’orizzonte, ma l’aumento dei contagi preoccupa comunque le Marche. Lo svilupparsi di focolai di variante Delta almeno per il momento, però, non si è riverberata sul numero dei decessi e delle occupazioni ospedaliere. Sono stati 21 i nuovi positivi sgenalati oggi, martedì 13 luglio, un numero in salita rispetto ai 9 di ieri ma con più tamponi analizzati. Sono stati 2.381 i tamponi analizzati (di cui 1.254 prima diagnosi, 526 antigenici con 6 positivi e 1.127 del percorso guarti), con un tasso di positivita al 1,7%.

Marche in zona gialla Covid? Acquaroli: «Allarmismo ingiustificato». Il prefetto di Pesaro-Urbino: «Ipotesi concerta e preoccupante»

È la provincia di Pesaro-Urbino quella con più positivi (7), seguita da Macerata (6), Ascoli Piceno (3), Fermo e Ancona (1). Un contagiato proviene da fuori regione. Sono stati 4 i sintomatici, 7 i contatti domestici, 5 i contatti stretti di un caso positivo e un contatto in ambito lavorativo. Per 3 casi sono in corso le indagini epidemiologiche  

LA PROGRESSIONE DEL CONTAGIO

 

 

ANCORA ZERO MORTI, +1 I RICOVERI

Anche oggi, per fortuna, non sono stati segnalati decessi legati al Covid. Nelle marche sono 3.038 i morti da inizio epidemia, 1.776 uomini e 1.332 donne, con un’età media di 82 anni. Il 97,2% era già afflitto anche da altre malattie. Sale a 11 il numero dei ricoverati nelle Marche (+1 rispetto a ieri), mentre restano stabili  a 2 quelli in terapia intensiva. Salgono a 9 (+1), quelli nei reparti non intensivi.

 

Ultimo aggiornamento: 15:34


© RIPRODUZIONE RISERVATA





fonte Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here