Vaccini: taglio alla fornitura Pfizer, nelle Marche 47mila dosi. Ad Ancona picco di somministrazioni, quasi 1.500

0
2
Covid Marche, Saltamartini: «Prima dose di vaccino a metà della popolazione»


ANCONA – Nuova fornitura di vaccini contro il covid nelle Marche. Nella giornata di oggi sono state consegnate 47mila dosi di siero Pfizer, un numero inferiore rispetto alle 80mila dosi giunte settimanalmente nella nostra regione nel mese di giugno.

Un taglio, quello sulle forniture di siero della casa farmaceutica americana Pfizer Biontech, ma anche di Moderna, che era già stato annunciato dal Commissario Figliuolo nelle scorse settimane. Eppure non c’è carenza di vaccini e nei prossimi giorni sono attesi flaconi di AstraZeneca e Johnson& Johnson.

Giovanni Guidi
Giovanni Guidi, direttore Area Vasta due

«Le dosi non mancano nei centri vaccinali» rassicura Giovanni Guidi, direttore dell’Area Vasta due, nel sottolineare che «le vaccinazioni proseguono secondo il calendario, in particolare per le seconde dosi e noi procediamo in tutti e quattro gli hub dell’Area Vasta due regolarmente e in più stiamo vaccinando anche i turisti».

Nelle ultime giornate al centro vaccinale PalaPrometeo di Ancona (ex Palarossini) si è toccato il picco nel numero delle somministrazioni quotidiane: nella giornata di ieri – 13 luglio – sono state inoculate 1.462 dosi, il 12 luglio 1.464 e il giorno precedente, l’11 luglio, 1.351 somministrazioni.

Il centro vaccini al PalaPrometeo di Ancona 

Si tratta soprattutto di richiami, mentre le nuove prenotazioni sono per ora più rallentate e in questo senso «rispecchiano quello che è l’andamento nazionale» spiega Guidi. Tra i vaccinati anche diversi turisti che hanno scelto le Marche come meta per le vacanze e che qui, senza prenotazione, possono ricevere il richiamo. Ad oggi nelle Marche sono complessivamente 1.501.029 le dosi somministrate dall’inizio della campagna vaccinale, su 1.598.973 consegnate, un 93,9%.

Il 91,78% degli over 80 ha ricevuto la seconda dose, il 77,23% dei marchigiani nella fascia 70-79 anni e il 60,62% tra i 60-69 anni.  Ad aver completato il ciclo vaccinale è il 50,40% delle persone di età compresa tra 50-59 anni e il 34,50% dei marchigiani tra 40 e 49 anni.

Ancora bassa invece la percentuale di somministrazione della seconda dose nelle persone tra 30 e 39 anni (il 21,92%), e scende ancora di più tra i più giovani, per i quali le iniezioni sono iniziate più tardi nel Paese: nella fascia 20-29 anni il 19,38% ha avuto la seconda dose, mentre tra i 12 e i 19 anni ha completato l’iter di vaccinazione il 7,62% dei giovanissimi.





fonte Centropagina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here