Open day, i numeri rimangono bassi. Al Ristò proseguono le giornate Janssen per gli over 60 senza prenotazioni

0
2
Open day, i numeri rimangono bassi. Al Ristò proseguono le giornate Janssen per gli over 60 senza prenotazioni

PESARO – Open Day Janssen, l’afflusso resta basso, ma qualcosa si muove e gli operatori notano una lieve crescita. Oltre 1000 vaccini in un giorno all’ex Ristò, ma solo poche decine sono prime dosi. E gli over 60 non si vedono.

 

Al Rossini Center di via Gagarin, la giornata vaccinale ieri ha registrato un’elevata affluenza di persone per le somministrazioni, in totale 1200 prenotazioni, di cui 500 al mattino e 700 al pomeriggio, ai quali aggiungere gli over 60 che si sono recati all’hub di via Gagarin, nella fascia 16-18, per l’open day del siero monodose Janssen (Johnson e Johnson) che non necessita di prenotazione. Basta semplicemente presentarsi. Così come era accaduto nei giorni scorsi, non c’è ancora sicuramente la corsa per chi ha più di 60 anni alla inoculazione in questa finestra open con il vaccino americano a vettore virale, ma qualche segnale di maggior interesse c’è. Dopo un’ora, ieri, si erano presentate nella serpentina davanti all’ingresso dell’ex Ristò, 12 persone. 

Le chiamate
«E altre hanno chiamato, che verranno nel corso della prossima ora restante – informava nel tardo pomeriggio Giancarlo Eusebi della Protezione civile Pesaro, addetto a gestire gli afflussi all’hub del Rossini Center – Sinceramente pensavamo ad un afflusso maggiore, considerato che il vaccino è monodose, ma le persone forse non vogliono rovinarsi le vacanze. Vediamo come andrà prossimamente». Open Day Janssen a parte, «ora la media dei vaccini si aggira tra 1000 e 1200 al giorno, sono numeri importanti, anche se sono quasi tutti richiami. Non vediamo ancora quelli che devono fare la prima dose e i 60enni che mancano stanno tenendo duro, non si riescono a intercettare». Sono proprio queste due le note dolenti di questo periodo di vaccinazione: da una parte le basse prenotazioni per nuove somministrazioni, che sono intorno a 20-30 al giorno. E la fascia degli over 60 da vaccinare, che a Pesaro scarseggia, così come a livello nazionale (sono 2,4 milioni gli over 60 scoperti, il 15%).

L’appello
«Mancano molti over 60 – conferma Eusebi – Purtroppo non li vediamo, questo è grave, perchè il vaccino è bene che lo facciano tutti. Noi la vediamo così, tutti dovrebbero vaccinarsi, poi ci sono sempre i no vax che lottano contro». Gli open day Janssen per gli over 60 proseguiranno fino al 30 luglio, tutti i giorni sempre dalle 16 alle 18. Alcune giornate sono escluse: a Fano al Codma escluso il 26 e il 29 luglio. A Pesaro esclusi i giorni 20, 26, 28, 29,30. Alla Bocciofilla di Urbino nessuna esclusione. Per l’accesso non è prevista alcuna prenotazione. È sufficiente recarsi in uno degli hub muniti di tessera sanitaria o, per coloro che ne fossero sprovvisti, di codice fiscale, codice STP (Stranieri Temporaneamente Presenti) o codice univoco ad 11 cifre rilasciato dalla Prefettura. Il Johnson & Johnson viene somministrato agli over 60 anche nelle farmacie aderenti all’operazione (Pfizer per gli under 60): un centinaio quelle attive a livello regionale fino ad oggi e che in poco meno di un mese hanno somministrato quasi 3.300 dosi di vaccino. E’ in programma una riorganizzazione degli hub vaccinali dell’Area Vasta 1 a partire da oggi, con seconde dosi che si concentreranno in particolar modo nella fascia mattutina, e meno sedute quotidiane, davanti all’esigua percentuale di nuove prenotazioni.

La riorganizzazione
Calendario riorganizzato anche nel mese di agosto, mantenendo la metà delle sedute. Resteranno attivi in estate i centri vaccinali di prossimità, come quello di Gradara, aperto a sabati alterni fino a inizio settembre.



© RIPRODUZIONE RISERVATA





fonte Corriere Adriatico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here