il 1° concorso di birra fatta in casa

0
2
il 1° concorso di birra fatta in casa






Redazione

22 luglio 2021 14:00



ANCONA – Un concorso, il primo nella nostra provincia, di birra fatta in casa da non professionisti. Questa la grande novità della 5° edizione di “In bocca al luppolo – Festival delle birre artigianali e agricole”. Un concorso organizzato con partner importanti del settore. Riparte in presenza il Festival delle birre artigianali e agricole “In bocca al luppolo – 5° edizione”, organizzato da CNA Territoriale di Ancona con la collaborazione della CCIAA delle Marche, Condifi Uni.Co, Slow Food condotta di Ancona e comune di Ancona e si terrà dal 3 al 5 settembre in Ancona. Il programma, che sarà reso noto a fine agosto, presenta una novità assoluta per la città di Ancona: il primo concorso di Homebrewing “In bocca al luppolo”.  



Il concorso è aperto a tutti gli stili e a tutte le birre prodotte da non professionisti ed è stato organizzato con la partecipazioni del Movimento Birrario Italiano (Mo.Bi), Slow Food e Anfa (sponsor tecnico). La giuria composta dal presidente Carlo Cleri (Slow Food), Miro Sampino (Mo.Bi), Nicola Malucci (giudice Ubt), Filippo Olmeda (dell’Agenzia Enologica Milanese sede di Pesaro e sponsor dell’iniziativa) e decreterà il vincitore domenica 5 settembre alle ore 19.30 nell’area spettacoli di Piazza Roma. Ricchi i premi messi in palio con buoni acquisto per i primi 3 classificati da 600, 300 e 100 euro. Inoltre le prime tre birre classificate saranno oggetto di selezione da parte dei birrifici aderenti al festival: una delle tre ricette verrà prodotta in quantitativo limitato e utilizzata per la regalistica natalizia a istituzioni e stake holders consegnata dalla CNA Agroalimentare della provincia di Ancona. «Il concorso di homebrewing del nostro festival è una novità assoluta – commenta Andrea Cantori, segretario della CNA Agroalimentare della provincia di Ancona – L’abbiamo organizzato con i partner più importanti del settore: il Movimento Birrario Italiano e Slow Food. Oltre ai premi in denaro riteniamo però che i concorrenti saranno allettati dalla possibilità di vedere la propria ricetta prodotta da un birrificio, birra che poi verrà utilizzata dalla CNA Agroalimentare come regalistica natalizia per istituzioni e stakeholders  – conclude Cantori  – La nostra speranza è che questo concorso si possa consolidare con le prossime edizioni del festival, magari entrando ufficialmente come tappa del concorso nazionale del Movimento Birrario Italiano».









fonte AnconaToday

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here